Signore della Resurrezione


Gesù, Uomo della Croce,

Signore della Risurrezione,

noi veniamo alla tua Pasqua

come pellegrini assetati di acque vive.

Mostrati a noi nella gloria mite della tua Croce;

mostrati a noi nel fulgore pieno

della tua Risurrezione.

Gesù, Uomo della Croce,

Signore della Risurrezione,

noi ti chiediamo d’insegnarci

l’amore che ci fa imitatori del Padre,

la sapienza che fa buona la vita,

la speranza che apre all’attesa del mondo futuro.

Signore Gesù, stella del Golgota,

gloria di Gerusalemme e d’ogni città dell’uomo,

insegnaci per sempre la legge dell’amore,

la legge nuova che rinnova

per sempre la storia dell’uomo.

Amen.

Alleluia, fratelli, Cristo è risorto!

Questa è la nostra certezza,

la nostra gioia, questa è la nostra fede.

Cantiamo l'alleluia della vita

quando tutto è bello e gioioso;

ma cantiamo anche l'alleluia della morte,

quando, pur tra lacrime e dolore,

inneggiamo alla vita che non muore.

È l'alleluia della Pasqua,

del Cristo Risorto che ha vinto la morte.

Cantiamo l'alleluia di chi crede,

di chi ha visto il sepolcro vuoto,

di chi ha incontrato il Risorto

sulla strada di Emmaus,

ma cantiamo anche l'alleluia per chi non ha fede,

per chi è avvolto da dubbi e incertezze.

Cantiamo l'alleluia della vita che volge al tramonto,

del viandante che passa,

per imparare a cantare l'alleluia del cielo,

l'alleluia dell'eternità.

(Anonimo)

La vita è una festa

perché Cristo è risorto

e noi risorgeremo.

La vita è una festa:

possiamo guardare il futuro

con fiducia

perché Cristo è risorto

e noi risorgeremo.

La vita è una festa:

la nostra gioia è la nostra santità;

la nostra gioia non verrà mai meno:

Cristo è risorto

e noi risorgeremo.

(Anonimo)