Grazie a tutti voi, amici e fratelli nella fede !

Carissimi amici dell'unità pastorale Santi 4Eva, buona Pasqua!

Il tempo di Gioia per la novità della Sua Resurrezione ancora non svanisce... E ci accompagnerà fino a Pentecoste!

In questo scritto come Missionarie dell'Immacolata - Pime in Guinea - vogliamo rivolgervi il nostro GRAZIE per il contributo fondamentale che avete dato per la costruzione ed il completamento delle due sale della Scuola di N'Panquinha, in Bissorã.La stagione delle piogge si avvicina, a breve termineranno i lavori e finalmente possiamo dire che con l'inizio del prossimo anno scolastico un buon numero di ragazzini potrà ritornare a fare lezione al coperto!

Il nostro semplice grazie per il rapporto di amicizia che già vi lega a questa terra... Sono passati solo 6 mesi dalla mia

partenza, ma il vostro coinvolgimento nel vivere insieme la missione e la curiosità di sapere qualcosa in più di questo popolo

si sono mostrati da subito.

Il vostro gruppo giovani poi ha permesso in maniera creativa di seguire passo per passo l'evoluzione di questo piccolo

progetto, attraverso post e immagini... Non resta che dire, una volta terminata l'emergenza Covid, che questa terra vi aspetta

così qualcuno di voi potrà vedere con i suoi occhi la stessa scuola e conoscere di persona questa fantastica gente.

... La gioia della PASQUA ci invade ancora e porta con sé una bellezza delle cose che, questa pandemia un pochino ha offuscato, offuscato sì ma non occultato!

Scrivendo questa piccola frase penso a quanti di voi hanno attraversato il dolore della malattia o l'impotenza di vedere un proprio caro uscire di casa senza più rientrare o l'impossibilità di poter fare qualcosa di più e di concreto che alleviasse un pochino questa ferita.

È così... É un tempo tosto per tutti e che dura da troppi mesi, eppure è un tempo in cui, in questo buio, siamo chiamati a lasciar entrare la Luce del Risorto e la speranza che SOLO Lui sa donarci!

La settimana Santa anche la Guinea Bissau ha attraversato un momento molto doloroso, per la perdita a causa del Covid del nostro Vescovo della DIOCESI DI Bafatà (la seconda diocesi guineense, oltre a quella di Bissau).

Dom Pedro Carlos Zilli, padre del Pime, brasiliano, 66 anni, avrebbe festeggiato proprio questo anno I 20 anni dalla nascita della sua diocesi.

Dom Pedro é stato un testimone instancabile della Sua Parola... Sì è distinto nei 20 anni del suo episcopato proprio per la sua umanità, per l'attenzione che riservava a tutti, quella sua semplicità e quel suo stile amicale che lo portavano ad intrecciare rapporti col mondo intero... Tanti, davvero tanti i musulmani e rappresentanti di altre confessioni religiose che hanno voluto rendere omaggio, lungo le strade della Guinea, al corteo funebre che accompagnava la sua salma dalla capitale Bissau alla cattedrale di Bafatà, luogo della sua sepoltura.

Quel giorno abbiamo atteso la salma lungo la strada, a Djugudul. Conservo un ricordo vivo di quel dì: Umaro, un uomo musulmano, accanto a me che comincia a recitare con noi una decina del Rosário quando il feretro si ferma dinanzi a noi. Un momento potente e commovente!

... Tutto questo lo racconto per dire a voi che, nonostante le difficoltà, le dure perdite, le incomprensioni che attraversiamo a ogni latitudine, Cristo nostra Pasqua é la nostra speranza, una Speranza che nessuno può rubarci!

Concludo con le parole di un caro amico e confratello, al quale il Covid ha da poco portato via la mamma.

"La vita è fatta di troppe cose belle. La bellezza ci invade. Anche nella tempesta, ci sono punti fermi (come amicizie, legami, sorprese di Dio) che ti fanno andare avanti e amare questa vita!".

È così, ha ragione p. Alessandro. La vita è complicata, ma troppo bella per lasciarci andare.

Questa è la Pasqua, questa è la novità che Gesù porta in noi... Questa vita troppo bella e che sa resistere alla morte è la testimonianza di tutti voi, che nonostante le difficoltà che vivete, a livello economico e col cuore appesantito da tanto dolore, avete pensato in questa Quaresima a condividere un pezzo di voi con la Guinea.

E a pensarci bene la forza della vita che vince la morte è anche la testimonianza più grande che questo popolo, questa gente, che attraversa mille problemi quotidiani, mi sta regalando!

La forza della vita la vedo proprio riflessa in chi anche qui combatte ogni giorno la sua battaglia, confidando in Lui!

Ancora grazie a tutti voi, amici.

Grazie a don Pierangelo, don Luca, don Dario e padre Daniele.

Grazie a Corinna e Mattia, alla loro famiglia e a tutte le famiglie della parrocchia. Grazie alla fraternità Casa Cafarnao, ai giovani che la frequentano, alle giovani coppie di sposi, a tutti gli adolescenti e più piccini che animano e abitano la vostra viva realtà pastorale.

Tutti volti e storie che conservo nel cuore! Grazie a tutti voi, parrocchiani e fratelli nella fede... In una parola Comunità!

Vi assicuriamo il nostro ricordo e la nostra preghiera da questa piccola perla d'Africa.

Un abbraccio

Sr Angela, Economa della Delegazione Guinea Bissau,

Sr Anna